Castello sforzesco del Ducato di Milano

Forum del Ducato di Milano sui Regni Rinascimentali
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  
Chi è online?
In totale ci sono 3 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 3 Ospiti

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 50 il Lun 12 Apr 2010, 23:42
Ultimi argomenti
» Arrivo del nuovo Ambasciatore di Genova
Sab 05 Mag 2018, 15:21 Da Hank_the_black

» L'arrivo del nuovo ambasciatore di Firenze
Gio 03 Mag 2018, 18:16 Da Jawa

» Arrivo di Juan
Mer 28 Feb 2018, 12:19 Da sara8383

» L'arrivo dell'Ambasciatore di Modena
Gio 15 Feb 2018, 20:27 Da Giangaleazzo

» L'arrivo dell'ambasciatore fiorentino
Ven 22 Dic 2017, 16:41 Da SickboyRCM

» Arrivo del Rappresentante Diplomatico di Firenze
Dom 17 Dic 2017, 02:48 Da Amelie_1

» Arrivo di Bosio I Sforza
Lun 20 Nov 2017, 18:53 Da sara8383

» Arrivo del Nunzio Apostolico presso il Ducato di Milano.
Mer 15 Nov 2017, 16:51 Da Pamelita

» L'Arrivo dell'Ambasciatrice del Regno delle Due Sicilie
Sab 04 Nov 2017, 21:21 Da sara8383

» L'Arrivo del Ministro degli Esteri Duosiciliano
Dom 22 Ott 2017, 17:26 Da Alelaide

» Regno delle Due Sicilie
Lun 09 Ott 2017, 23:26 Da Vanni

» Arrivo Dell'Ambasciatrice Lucrezia Vittoria Anastasia Cavaliere di Lintgen
Ven 22 Set 2017, 09:54 Da sara8383

» Arrivo di Sir Aventon
Mar 19 Set 2017, 23:01 Da sara8383

» Arrivo del Referente Diplomatico Rosa
Ven 01 Set 2017, 23:03 Da sara8383

» Arrivo dell'ambasciatrice di Genova
Mer 30 Ago 2017, 09:14 Da Ysabel

» Arrivo del Gran Ciambellano di Genova
Lun 14 Ago 2017, 13:12 Da diablo_97

» Arrivo del Ministro degli Affari Esteri del Regno di Bosnia
Sab 29 Lug 2017, 02:30 Da lachtna

» Arrivata di Diane de Lévignac-Champlecy, ambasciatrice della Provenza
Mar 18 Lug 2017, 21:23 Da Diane...

» Arrivo del Referente Diplomatico
Mar 11 Lug 2017, 19:43 Da Vic.

» Arrivo della nuova Ambasciatrice
Sab 24 Giu 2017, 10:14 Da Selene00


Condividi | 
 

 Firenze

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Wuendalina

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 950
Località : Alessandria - Ducato di Milano
Data d'iscrizione : 28.08.08

MessaggioTitolo: Firenze   Sab 06 Set 2008, 01:37

Trattato nullo, sostituito da un nuovo accordo datato 23 Settembre 1458
Citazione :
Trattato di cooperazione giudiziaria tra la Repubblica di Firenze e il Ducato di Milano

Nella loro grande saggezza, i Signori KleeOtr, Governatore di Firenze e Rumble, Duchessa di Milano, hanno chiesto di mettere per iscritto il presente trattato di cooperazione giudiziaria che vincoli i popoli della Repubblica di Firenze e del Ducato di Milano, con l'intento di instaurare e preservare una duratura amicizia.

Articolo I - Del principio di cooperazione
Se un individuo accusato scappa da un territorio vincolato da questo trattato nel tentativo di sfuggire alla giustizia, esso sarà estradato o giudicato, per comune accordo delle autorità giudiziarie competenti, nel territorio in cui è stato arrestato.

Articolo II - Dell'applicazione del diritto del ricorrente
Il comune accordo prevede una piena e fattiva cooperazione tra pubblici ministeri e giudici dei due paesi in modo che l'accusato riceva il giudizio che avrebbe ricevuto nel caso non fosse fuggito..

Articolo III – Della procedura di giudizio
La procedura sarà la seguente:
1.Accusa su richiesta del paese che ha giurisdizione sul crimine commesso. Il Pubblico Ministero del paese ricorrente scriverà l’atto di accusa. Le Prove contro l’accusato saranno richieste al paese ricorrente dal paese rispondente prima di pubblicare ogni accusa.
2. L’intera procedura è sotto la primaria giurisdizione del paese ricorrente.Il Giudice rispondente Locale scriverà la sentenza, ma illustrerà i motivi della sua decisione in accordo con la legge del paese ricorrente.

Articolo IV - Della cooperazione dei funzionari
Collaborazione è richiesta tra le autorità giudiziarie di entrambi i paesi affinché le leggi sia del ricorrente che del rispondente siano rispettate.
I funzionari giudiziari (Pubblico ministero, Giudice, Sergente, Capitano e Prefetto) coopereranno:
1. Condividendo le loro informazioni sugli individui o gruppi di individui identificati come potenzialmente pericolosi;
2. Facendo rispettare la legge quando un criminale è nei territorio di uno dei paesi contraenti e un crimine è stato commesso.

Articolo V - Della richiesta

Emessa da un funzionario del paese ricorrente, è formulata come segue:
Citazione :
Paese: _________

Natura della richiesta: Condivisione informazioni/Applicazione della legge

Richiedente (nome, funzione):

Data:

Accusato (nome):

Descrizione dell'offesa/crimine o del pericolo:

Localizzazione dell'offesa/crimine:

Richiesta n°: (solo in caso di Condivisione informazioni)

Profilo dell’accusato:

Articolo VI - Delle disposizioni allegate
Le disposizioni allegate, in particolare quelle relative ai diritti degli accusati saranno discusse dai Giudici, Pubblici Ministeri e Prefetti di entrambi i paesi. I Ciambellani dei contraenti archivieranno i procedimenti.

Articolo VII - Degli inadempimenti al trattato
In tempo di pace come in guerra, qualsiasi inadempimento di ogni clausola del presente trattato libera l’altra parte dal suo impegno finché una compensazione sia stata fatta/altrimenti un accordo può essere trovato.

Articolo VIII - Della cancellazione del trattato
Per cancellare: Una lettera da un Signore sarà inviata all’altro Signore. Questo ha 4 giorni lavorativi per rispondere. Se una risposta ufficiale non arriverà questo trattato sarà considerato cancellato. I contraenti si impegnano a pubblicare una dichiarazione ufficiale e formale nella Taverna del Paese.

Articolo IX - Della modifica del trattato
Una completa o parziale riscrittura del trattato o anche la sua cancellazione può essere decisa di comune accordo.

Articolo X - Dell'entrata in vigore del trattato
Il presente trattato entra in vigore dopo la ratifica da parte dei contraenti, che impegna le loro terre ed i loro popoli. Entro un mese dalla ratifica il trattato può essere annullato unilateralmente da un contraente senza conseguenze tramite dichiarazione pubblica.

Firmato a Milano il 02/05/1456

A nome del Ducato di Milano:

Genoveffa Rumble Marshmallow, Duchessa di Milano
Idarne Borromeo Pelagio, Ciambellano del Ducato di Milano



A nome della Repubblica di Firenze:

KleeOtr, Bosio I Sforza, Conte di Monza, Duca di Firenze
Cangrande della Scala, Gran ciambellano della Repubblica fiorentina

Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://castellodimilano.forumattivo.com
Wuendalina

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 950
Località : Alessandria - Ducato di Milano
Data d'iscrizione : 28.08.08

MessaggioTitolo: Re: Firenze   Sab 06 Set 2008, 01:38

Trattato nullo, sostituito da un nuovo accordo datato 4 Maggio 1458

Citazione :
TRATTATO RIGUARDANTE LO STATUTO DEGLI AMBASCIATORI FRA LA REPUBBLICA DI FIRENZE ED IL DUCATO DI MILANO

Articolo primo

L'ambasciata della Repubblica di Firenze nel Ducato di Milano è considerata territorio sovrano della Repubblica di Firenze.
L'ambasciata del Ducato di Milano nella Repubblica di Firenze è considerata territorio sovrano del Ducato di Milano.


Articolo secondo

2.1
L'ambasciatore della Repubblica di Firenze dispone dell'immunità diplomatica su tutto il territorio definito appartenente al Ducato di Milano.
L'ambasciatore del Ducato di Milano dispone dell'immunità diplomatica su tutto il territorio definito appartenente alla Repubblica di Firenze.

2.2
In caso di accertamento di un grave errore dell'Ambasciatore della Repubblica di Firenze nel Ducato di Milano, il Signore della Repubblica di Firenze può decidere di togliere la suddetta immunità, in modo che il colpevole possa essere incriminato e condannato.
In caso di accertamento di un grave errore dell'Ambasciatore del Ducato di Milano nella Repubblica di Firenze, il Principe del Ducato di Milano può decidere di togliere la suddetta immunità, in modo che il colpevole possa essere incriminato e condannato.


Articolo terzo

In caso di "necessità imminente" (in caso di Guerra all'interno del Ducato/Repubblica che ospita l'Ambasciatore oppure in caso di reato da parte dell'Ambasciatore), il Signore della Repubblica di Firenze può esigere la partenza dell'Ambasciatore del Ducato di Milano.
In caso di "necessità imminente" (in caso di Guerra all'interno del Ducato/Repubblica che ospita l'Ambasciatore oppure in caso di reato da parte dell'Ambasciatore), il Principe del Ducato di Milano può esigere la partenza dell'Ambasciata della Repubblica di Firenze. L'Ambasciatore dispone quindi di una settimana di tempo per lasciare il territorio del Ducato di Milano.


Articolo quarto

La Repubblica di Firenze autorizza la libera circolazione su tutto il suo territorio da parte dell'Ambasciatore del Ducato di Milano.
Il Ducato di Milano autorizza la libera circolazione su tutto il suo territorio da parte dell'Ambasciatore della Repubblica di Firenze.


Articolo quinto

La Repubblica di Firenze si impegna a proteggere e ad aiutare l'Ambasciatore del Ducato di Milano su tutto il suo territorio e in ogni situazione secondo le proprie possibilità, anche se quest'ultimo non ne formula esplicita domanda.
Il Ducato di Milano si impegna a proteggere e ad aiutare l'ambasciatore della Repubblica di Firenze su tutto il suo territorio e in ogni situazione secondo le proprie possibilità, anche se quest'ultimo non ne formula esplicita domanda.

Articolo sesto

Se uno dei due firmatari (Ducato o Repubblica) desiderasse annullare il presente trattato, deve necessariamente farne dichiarazione scritta all'altro. Il trattato sarà allora considerato caduco una settimana dopo la ricezione della suddetta comunicazione.

Firmato a Milano il 19 giugno 1456

In nome del Ducato di Milano:

Pierluigi, Duca di Milano
Massimiliano II Sforza, Kalton, Ciambellano del Ducato di Milano


In nome della Repubblica di Firenze:

Kro, Signore di Firenze
Tara Visconti, Ambasciatrice della Repubblica di Firenze


Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://castellodimilano.forumattivo.com
Wuendalina

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 950
Località : Alessandria - Ducato di Milano
Data d'iscrizione : 28.08.08

MessaggioTitolo: Re: Firenze   Mer 01 Ott 2008, 01:39

Trattato nullo da Gennaio 1457


Citazione :

TRATTATO D'INTESA E DI AMICIZIA TRA LA REPUBBLICA DI FIRENZE ED IL DUCATO DI MILANO

Il presente trattato stabilito sotto il Regno di Scila II Visconti, Baronessa di Montebicchieri, Signore di Firenze e Pierluigi Duca di Milano, sarà la prova dell'amicizia e dell’intesa che vincola i popoli delle due province.

Articolo I - Dell'Impegno alla Non Aggressione
Le parti contraenti, che riconoscono l'intesa tra la Repubblica di Firenze ed il Ducato di Milano, si impegnano reciprocamente a non condurre alcuna azione militare, o aggressione una verso l'altra. Garantiscono reciprocamente l'inviolabilità delle loro frontiere esistenti. La presente clausola non crea alcun obbligo di difesa reciproca. Le alte parti contraenti si impegnano a considerare le loro armate come amiche.

Articolo II - Della Partecipazione a qualsiasi Trattato
Le parti contraenti si impegnano a non partecipare ad alcun trattato, accordo o convenzione ostile con l'altra parte firmataria e contrario al presente trattato. Sono considerati ostili i trattati, accordi o convenzioni che mirano a nuocere o prendere con la forza parte del territorio dell'uno dei due contraenti.

Articolo III - Del Diritto di Passaggio
Le parti contraenti concedono un Diritto di Libera Circolazione ai loro cittadini purché la libera circolazione sia pacifica e rispettosa delle leggi. Un contraente deve chiedere l'autorizzazione di passaggio del suo esercito sul territorio dell'altro contraente. Il Consiglio di quest'ultimo si riserva di dare decisione favorevole alla richiesta.

Articolo IV - Del Principio di Cooperazione

Ogni individuo che ha commesso un'offesa o un crimine nei confronti della legge e delle regole vigenti nel territorio di un contraente dovrà, su domanda, essere ricercato, recepito, messo in carico ed essere giudicato dal contraente sul territorio del quale l'individuo si trova o è sospettato di trovarsi.

Articolo V - Dell'Applicazione del Diritto del Ricorrente

L'indagine, l'arresto, la messa a giudizio, essendo il giudizio svolto per e da delegazione del contraente che ha emesso la richiesta (chiamato ricorrente), il contraente sul territorio del quale questi passi sono effettuati si impegna a rispettare il diritto del contraente richiedente (sul territorio del quale ha avuto luogo l'infrazione).

Articolo VI - Della Procedura di Giudizio

La procedura sarà la seguente:
1. Accusa su richiesta del paese che ha giurisdizione sul crimine commesso. Il Pubblico Ministero del paese ricorrente scriverà l’atto di accusa. Le Prove contro l’accusato saranno richieste al paese ricorrente dal paese rispondente prima di pubblicare ogni accusa.
2. L’intera procedura è sotto la primaria giurisdizione del paese ricorrente.Il Giudice rispondente Locale scriverà la sentenza, ma illustrerà i motivi della sua decisione in accordo con la legge del paese ricorrente.

Articolo VII - Della cooperazione dei funzionari

Collaborazione è richiesta tra le autorità giudiziarie di entrambi i paesi affinché le leggi sia del ricorrente che del rispondente siano rispettate.
I funzionari giudiziari (Pubblico ministero, Giudice, Sergente, Capitano e Prefetto) coopereranno:
1. condividendo le loro informazioni sugli individui o gruppi di individui identificati come potenzialmente pericolosi. Informando, esprimendo così un parere di cautela, che può influire su un contraente sul suo territorio;
2. osservando la giustizia quando un'offesa o un crimine sono stati commessi dall’imputato sul territorio di un contraente. Esprimendo allora un parere di ricerca, che è una richiesta destinata a procedere all'indagine, all'arresto, di accusa, ed il giudizio della persona accusata.

Articolo VIII - Della Richiesta

Emessa da un funzionario del contraente, è formulata come segue:

Citazione :

Ducato di _________

Natura della richiesta: Parere di ricerca/parere di cautela

Emittente (nome, funzione):

Data:

Individui accusati (nomi):

Descrizione dell'offesa/crimine o del pericolo:

Localizzazione dell'offesa/crimine e di o degli individui:

Articoli di legge sui quali si basa la richiesta: (soltanto in caso di parere di ricerca)

Scheda d'identità di o degli individui:


Articolo IX - Delle Disposizioni Allegate
Le disposizioni allegate, in particolare quelle relative ai diritti degli accusati saranno discusse dai Giudici, Pubblici Ministeri e Prefetti di entrambi i paesi. I Ciambellani dei contraenti archivieranno i procedimenti.

Articolo X - Della Clausola di Difesa e di Mutua Assistenza

Se un contraente viene attaccato o invaso da una provincia terza, l'altro contraente dovrà portare aiuto al primo. Quest'articolo crea una clausola di difesa reciproca. I firmatari si impegnano a mettere in opera tutti i mezzi diplomatici e militari, ed il loro coordinamento per risolvere il conflitto che oppone un firmatario ad una parte terza.

In caso di tentativo d'invasione o d'aggressione armata di un contraente da una parte terza, le forze armate dei contraenti saranno raccolte e coordinate a livello tattico dagli stati maggiori per essere più efficaci, pur conservando i loro ordini distinti.

Articolo XI - Della Validità della Clausola di Mutua Assistenza
La clausola di mutua assistenza è valida finché il presente trattato è in essere. Tuttavia, i contraenti non sono obbligati a rispettarla se l'invasione di un firmatario è il fatto di una richiesta reale. La clausola di difesa e di mutua assistenza non può essere consentito che per azioni di difesa, e non di volontà aggressive, d'espansionismo o di contro attacco. Si deciderà caso per caso se un contro attacco può essere considerata come un'azione di difesa o una aggressione.

Articolo XII - Del Commercio
Le parti contraenti si impegnano a favorire ogni intesa commerciale. Si impegnano a non condurre destabilizzazione economica l'una verso l'altra, ed a punire gli autori se provenienti dai propri territori o le persone che agiscono sul loro territorio.
Accordi commerciali saranno conclusi, volta per volta tra i contraenti.

Articolo XIII - Della Cultura
I contraenti favoriranno gli scambi culturali e festivi tra loro. Saranno resi noti su iniziativa di progetto e sosterranno, di conseguenza, anche volontà comunali.

Articolo XIV - Degli Inadempimenti al Trattato
In tempo di pace come in guerra, qualsiasi inadempimento di ogni clausola del presente trattato libera l’altra parte dal suo impegno finché una compensazione sia stata fatta/altrimenti un accordo può essere trovato.

Articolo XV - Della Procedura di Cancellazione del Trattato

Il contraente che desidera porre fine al presente trattato dovrà fare pervenire una lettera ufficiale di denunzia all'altro contraente. Quest'ultimo dispone di quattro giorni lavorativi per prenderne atto. Senza risposta ufficiale che lo accenna, il presente contratto è considerato nullo secondo questi termini. Le parti contraenti si impegnano a pubblicare in modo ufficiale una lettera che precisa l'abrogazione del contratto.

Articolo XVI - Della Modifica del Trattato

Per consenso reciproco, la revisione del trattato può essere effettuata nella sua integrità o parzialmente.

Articolo XVII - Dell'Entrata in Vigore del Trattato

Il presente trattato entra in vigore senza limitazione di tempo fin dalla firma da parte dei contraenti, che impegna le loro terre ed i loro popoli.

Firmato a Milano il 18 luglio 1456

In nome della Repubblica di Firenze:
Scila II Visconti, Baronessa di Montebicchieri, Signore di Firenze
Tara Visconti, Ambasciatrice della Repubblica di Firenze



In nome del Ducato di Milano:
Pierluigi, Duca del Ducato di Milano
Massimiliano II Kalton Sforza, Gran Ciambellano del Ducato di Milano



_________________


Wuendalina Pucci Guerra, Contessa di Varese
Ambasciatrice del Ducato di Milano

----♦♥♣♠----

Gran Ciambellano dal 27 luglio 1456 all' 8 aprile 1457
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://castellodimilano.forumattivo.com
Eleinad

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2032
Età : 28
Località : alessandria
Umore : sereno
Data d'iscrizione : 11.09.08

MessaggioTitolo: Re: Firenze   Dom 21 Feb 2010, 00:05

Il Trattato di Cooperazione giudiziaria e quello d'Intesa e d'Amicizia, fra il Ducato di Milano e la Repubblica Fiorentina, non sono più in vigore da Gennaio 1457, per volontà della Duchessa Polimnia di Borbone.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Eleinad

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2032
Età : 28
Località : alessandria
Umore : sereno
Data d'iscrizione : 11.09.08

MessaggioTitolo: Re: Firenze   Mer 05 Mag 2010, 00:45

Citazione :
Trattato nullo, sostituito da un nuovo accordo datato 2 Maggio 1462

TRATTATO RIGUARDANTE LO STATUTO DEGLI AMBASCIATORI DEL DUCATO DI MILANO E DELLA REPUBBLICA FIORENTINA


Articolo primo


a) Il Ducato di Milano riconosce la Repubblica Fiorentina, le sue istituzioni e le sue cariche, come Stato indipendente, autonomo e sovrano, facente parte del Sacrum Romanorum Imperium Nationis Germanicae.
La Repubblica Fiorentina riconosce il Ducato di Milano, le sue istituzioni e le sue cariche, come Stato indipendente, autonomo e sovrano, facente parte del Regno di Sacrum Romanorum Imperium Nationis Germanicae.

b) L'ambasciata del Ducato di Milano nella Repubblica Fiorentina è cosiderata territorio sovrano del Ducato di Milano.
L'ambasciata della Repubblica Fiorentina a Milano è considerata territorio sovrano della Repubblica Fiorentina.


Articolo secondo

a) Il Corpo Diplomatico del Ducato di Milano, composto dal Duca, dal Gran Ciambellano, dal Cancelliere e dall'Ambasciatore Milanese, dispone dell'immunità diplomatica su tutto il territorio definito appartenente alla Repubblica Fiorentina.
Il Corpo Diplomatico della Repubblica Fiorentina, composto dal Signore di Firenze, dal Gran Ciambellano, dal Console e dall'Ambasciatore della Repubblica Fiorentina dispone dell'immunità diplomatica su tutto il territorio definito appartenente al Ducato di Milano.

b) Il Ducato di Milano può dichiarare un membro del Corpo Diplomatico della Repubblica Fiorentina, esclusi il Signore di Firenze e il Gran Ciambellano, "persona non grata".
Ciò comporta il decadimento per tale membro dello status di rappresentante diplomatico nel Ducato di Milano.
La Repubblica Fiorentina può dichiarare un membro del Corpo Diplomatico del Ducato di Milano, esclusi il Duca e il Gran Ciambellano, "persona non grata".
Ciò comporta il decadimento per tale membro dello status di rappresentante diplomatico nella Repubblica Fiorentina.
In tal caso la "persona non gradita" ha una settimana di tempo per uscire dal territorio ospitante.

c) Per immunità diplomatica si intende una situazione giuridica soggettiva privilegiata riconosciuta e garantita a taluni soggetti in considerazione della loro posizione e funzione istituzionale. Gli effetti delle immunità sono riconducibili alla non processabilità per tutti i reati esclusi quelli previsti dal comma seguente.

d) Per i reati quali il brigantaggio, l’assalto ai municipi o l’assalto al Castello della capitale, i rappresentanti diplomatici di entrambe i contraenti rimangono processabili e saranno giudicati secondo le leggi in vigore nella provincia ospite.


Articolo terzo

a) Il Ducato di Milano autorizza la libera circolazione su tutto il suo territorio da parte del Corpo Diplomatico (ove per corpo Diplomatico si intende Gran Ciambellano e ambasciatori) della Repubblica Fiorentina.
La Repubblica Fiorentina autorizza la libera circolazione su tutto il suo territorio da parte del Corpo Diplomatico del Ducato di Milano (ove per corpo Diplomatico si intende Gran Ciambellano e ambasciatori).

b) In caso di chiusura delle Frontiere di una delle parti contraenti, il Corpo Diplomatico dovrà dare conferma della propria presenza al Prefetto e al Capitano della Provincia ospitante che altresì dovranno assicurare l’incolumità dei Diplomatici stranieri.
Il Corpo diplomatico prima di compiere ogni azione deve ricevere un pm di avvenuta lettura della comunicazione.

c) In caso di necessità imminente, il Duca di Milano può esigere la partenza dell'ambasciata della Repubblica Fiorentina. L'ambasciatore dispone quindi di una settimana di tempo per lasciare il territorio di Milano.
In caso di necessità imminente, il Signore della Repubblica Fiorentina può esigere la partenza dell'ambasciata di Milano. L'ambasciatore dispone quindi di una settimana di tempo per lasciare il territorio della Repubblica Fiorentina.


Articolo quarto

a) Il Ducato di Milano si impegna a proteggere e ad aiutare il Corpo Diplomatico della Repubblica Fiorentina su tutto il suo territorio e in ogni situazione.
La Repubblica Fiorentina si impegna a proteggere e ad aiutare il Corpo Diplomatico del Ducato di Milano su tutto il suo territorio e in ogni situazione.

b) La persona del rappresentante diplomatico, riconosciuto come tale, dalla nomina del Gran Ciambellano o del Duca stesso, è considerata inviolabile. Un attacco contro di essa o una mancata adeguata protezione da parte della provincia ospitante costituisce una grave offesa alla controparte.



Articolo quinto

a) Il presente trattato va a sostituire il precedente, firmato il 19 giugno 1456, dal momento in cui verranno apposti i sigilli di entrambi i firmatari.

b) Se una degli Stati firmatari, desiderasse annullare il presente trattato, deve necessariamente farne dichiarazione scritta all'altra Provincia. Il trattato sarà allora considerato caduco una settimana dopo la ricezione della suddetta comunicazione.


Firmato nell'ambasciata di Milano a Firenze il 4 Maggio 1458


In rappresentanza del Ducato di Milano:

Maria Jolanda Stibbert, Duchessa di Milano, Baronessa di Bellusco



Massimiliano Eleinad Ridolfi, Gran Ciambellano di Milano



Valerio Gabriele Borromeo, Ambasciatore del Ducato di Milano



In Rappresentanza della Repubblica di Firenze:

Generale Antonio Pucci Guerra, noto come Antonidas
Barone di Galatrona
Signore di Firenze


Ginevra Electra Di Luna, nota come Krisclaire
Gran Ciambellano di Firenze

Caterina della Gherardesca, nota come Galandriel88
Ambasciatrice della Repubblica di Firenze


Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
GabryJay
Consigliere Ducale
Consigliere Ducale
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 980
Età : 29
Località : RL: Binzago (MB) | RR: Parma
Data d'iscrizione : 05.01.10

MessaggioTitolo: Re: Firenze   Ven 24 Set 2010, 03:07

Citazione :
Trattato di cooperazione giudiziaria tra la Repubblica di Firenze e il Ducato di Milano.

Articolo I - Del principio di cooperazione
Se un individuo accusato scappa da un territorio vincolato da questo trattato nel tentativo di sfuggire alla giustizia, esso sarà estradato o giudicato, per comune accordo delle autorità giudiziarie competenti, nel territorio in cui è stato arrestato.
Emtrambi gli stati firmatari si impegnano a rispettare il seguente trattato in deroga ad eventuali norme interne che siano suscettibili di impedire o rallentare la piena applicazione dello stesso. Fa eccezione la legislazione sul brigantaggio, che è trattata in dettagli nell'Articolo VI

Articolo II - Dell'applicazione del diritto del ricorrente
Il comune accordo prevede una piena e fattiva cooperazione tra pubblici ministeri e giudici dei due paesi in modo che l'accusato riceva il giudizio che avrebbe ricevuto nel caso non fosse fuggito.

Articolo III – Della procedura di giudizio
La procedura sarà la seguente:
1.Accusa su richiesta del paese che ha giurisdizione sul crimine commesso. Il Pubblico Ministero del paese ricorrente scriverà l’atto di accusa. Le Prove contro l’accusato saranno richieste al paese ricorrente dal paese rispondente prima di pubblicare ogni accusa.
2. L’intera procedura è sotto la primaria giurisdizione del paese ricorrente.Il Giudice rispondente Locale scriverà la sentenza, ma illustrerà i motivi della sua decisione in accordo con la legge del paese ricorrente.

Articolo IV - della cooperazione dei Prefetti e dei corsi di giustizia

I membri della prefettura, della giustizia e delle delle alte parti contraenti (Prefetti, Capitani, Sergenti, Giudici, Cancellieri, Procuratori) si impegnano a collaborare attivamente affinché le leggi dei due paesi siano rispettate, in particolare:

- condividendo le loro informazioni sugli individui o gruppi di individui identificati come potenzialmente pericolosi. Informano così, emettendo un Avviso allerta, di tutti i disordini che potrebbero causare a un contraente sul suo territorio.

- Facendo rispettare la giustizia quando un'offesa o crimine sia stata commessa e l'accusato sia sul territorio di uno dei due contraenti. La procedura prevede l'emissione di un avviso di ricerca, che è una richiesta destinata a procedere all'indagine, all'arresto, alla messa sotto accusa ed al giudizio della persona accusata.

Articolo V - della richiesta
Emessa da un funzionario del contraente, è formulata come segue:

Citazione:
Ducato/Contea di _________

Natura della richiesta: Avviso di ricerca/ Avviso di allerta (messa in guardia)

Emittente (nome, funzione):

Data:

Individui accusati (nomi):

Descrizione dell'offesa/crimine o del pericolo:

Localizzazione dell'offesa/crimine ed di o degli individui:

Dossier completo delle prove relativo al caso:

Articoli di legge sui quali si basa la richiesta: (soltanto in caso di parere di ricerca)

Scheda d'identità di o degli individui:


Articolo VI - della cattura e giudizio di briganti in suolo straniero
A) Per la cattura in suolo milanese di quei briganti che sfuggono alla giustizia fiorentina, il presente trattato stabilisce che:
1. I Viceprefetti in forza nelle città del Ducato di Milano sono considerati alla stregua di cacciatori di taglie per conto del Ducato. Per questo motivo essi possono, qualora sia stata inviata una richiesta da parte delle autorità fiorentine nelle modalità sopra illustrate, procedere alla cattura dell'accusato (corredata di screen IG che dimostra la presenza contemporanea nella stessa città).
2. Una volta avvenuta correttamente la cattura dietro richiesta fiorentina, il Pubblico Ministero e il Giudice di Milano condurranno un regolare processo, seguendo la legislazione fiorentina come stabilito nei precedenti Articoli dello stesso trattato.
B) Per la cattura in suolo fiorentino di quei briganti che sfuggono alla giustizia milanese, il presente trattato stabilisce che:
1. Dietro richiesta delle autorità milanese, gli accusati devono essere catturati il prima possibile nel rispetto delle modalità previste dalla legge fiorentina in materia; non è ammessa la caccia e l'uccisione tramite gli eserciti, regolari o volontari, a meno di una specifica richiesta delle autorità milanesi giustificata dall'elevata pericolosità dell'accusato.
2. In deroga alla legge fiorentina in materia, i Sindaci della Repubblica di Firenze non possono porre sotto la loro protezione coloro che siano stati accusati di brigantaggio in territorio milanese.
3. Una volta avvenuta correttamente la cattura dietro richiesta milanese, il Pubblico Ministero e il Giudice di Firenze condurranno un regolare processo, seguendo la legislazione milanese come stabilito nei precedenti Articoli dello stesso trattato.

Articolo VII - dei termini di giudizio
Il processo non deve essere superiore a tre settimane tra l'accusa e la pronuncia del verdetto. Se il termine è passato, le disposizioni del presente Trattato verranno annullate.

Articolo VIII - delle disposizioni allegate
Le modalità allegate, in particolare quelle relative ai diritti degli accusati saranno discusse dai Giudici, Procuratori e Prefetti dei contraenti. I Cancellieri dei contraenti procederanno all'archiviazione dei processi.

Articolo IX - degli inadempimenti al trattato
In tempo di pace come in guerra, qualsiasi inadempimento al presente trattato o annullamento di quest'ultimo non conforme all'articolo qui di seguito può aprire il diritto ad una compensazione della parte danneggiata.

Articolo X - della procedura di denunzia del trattato
Il contraente che desidera porre fine al presente trattato dovrà fare pervenire una lettera ufficiale di denunzia all'altro contraente. Quest'ultimo dispone di quattro giorni lavorativi per prendere atto. Senza risposta ufficiale che lo accenna, il presente contratto è considerato nullo passato questi termini. Le parti contraenti si impegnano a pubblicare in modo ufficiale una lettera che precisa l'abrogazione del contratto.

Articolo XI - della modifica del trattato
Per consenso reciproco, la riscrittura del trattato può essere effettuata nella sua integrità o parzialmente.

Articolo XII - dell'entrata in vigore del trattato

Il presente trattato entra in vigore senza limitazione di tempo dopo la ratifica da parte dei contraenti, che impegna le loro terre ed i loro popoli.

Firmato a Firenze, il 23/9/1458


In rappresentanza della Repubblica di Firenze:

Cristina Cocca De' Giustiniani Pucci
Principessa di Firenze

Salvestro de Medici, Barone di Castiglion Fibocchi
Granciambellano




In rappresentanza del Ducato di Milano:

Cangrande Killian dei Rossi
Duca di Milano
Barone di Torrechiara




Gran Ciambellano del Ducato di Milano



Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://www.lastfm.it/user/GabryJay
Paolo84

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 1025
Età : 34
Località : Fornovo (Ducato di Milano)
Data d'iscrizione : 13.04.10

MessaggioTitolo: Re: Firenze   Ven 18 Mar 2011, 18:43

Citazione :


Trattato d'amicizia tra la Repubblica di Firenze ed il Ducato di Milano.

Nella loro grande saggezza Lawrence Maxime Pignatelli detto "Invisible", Duca di Milano e Patrizia Perla della Groana, detta "Puliciobirbante", Signore di Firenze
desiderano mettere per iscritto il presente trattato d'amicizia, per rafforzare i legami tra le proprie terre, con la speranza che le relazioni tra le parti contraenti siano basate sull'amicizia e la collaborazione.


Articolo I - della partecipazione a qualsiasi trattato -

Le parti contraenti si impegnano a non partecipare ad alcun trattato, accordo o convenzione ostile all'altra parte e contrario al presente trattato, nel rispetto degli accordi precedentemente stipulati con altri stati. Sono considerati ostili i trattati, accordi o convenzioni che mirano a nuocere o prendere con la forza parte del territorio dell'uno due contraenti.


Articolo II - della non aggressione -

a) Il Ducato di Milano e la Repubblica di Firenze s�impegnano a non intraprendere l'una contro l'altra alcuna azione militare.
Di conseguenza le Altezze Reali, con i rispettivi consiglieri s'impegnano a non far entrare sul territorio della controparte le proprie armate, salvo un esplicita autorizzazione dello stato ospitante.

b) Le parti non saranno ritenute come responsabili di potenziali disordini commessi da armate non legittime venute dall'uno o dall'altro Regno. In questo caso, uniranno le loro forze per combattere i traditori.

c) Il Ducato di Milano e la Repubblica di Firenze, con i loro rispettivi consiglieri e cittadini s'impegnano a non creare, sostenere o incoraggiare disordini sul territorio della controparte con qualunque mezzo (sommosse etc.).

d) Le parti si impegnano a non autorizzare la costituzione di eserciti da parte di soggetti/compagnie mercenarie/gruppi sovversivi nemici dell'altro stato contraente.


Articolo III - del commercio -

a) I ministri economici dei rispettivi stati si impegnano a collaborare e se necessario a scambiarsi informazioni, a patto che non rivelino dati che possano mettere in pericolo la sicurezza e la stabilità politica, economica e sociale del proprio paese.

b) Qualora la situazione politico-economica lo permetta, il Ducato di Milano e la Repubblica di Firenze si impegnano a favorire i commerci fra le controparti.
Ogni volta se ne presenterà l'occasione, le merci verranno trasportate preferibilmente da membri del corpo diplomatico, scortati da cavalieri riconosciuti tali dai firmatari.
Il costo del trasporto, salvo diverso accordo, sarà equamente diviso tra le province in causa.

c) Le Parti contraenti, si impegnano a non condurre destabilizzazione economico l'una verso l'altra, ed a punire gli autori se provenienti dai propri territori o le persone che agiscono sul loro territorio.


Articolo IV - della cultura -

a) Le Parti si impegnano a favorire lo scambio culturale, artistico e scientifico fra il Ducato di Milano e la repubblica di Firenze, mediante l�organizzazione di eventi (mostre, corsi, feste) che vengano accordati, allo scopo di aumentare il prestigio di entrambi i territori.Inoltre i contraenti sostengono anche i municipi che vogliono impegnarsi a questo scopo.

b) Visto e considerato l'importanza della cultura e della scienza i contraenti si impegnano, se richiesto, a mettere a disposizione dei rettori e degli studenti alcune stanze, presso i propri castelli, ove, gli accademici potranno confrontarsi e dedicarsi agli studi.


Articolo V - della modifica del trattato -

Per mutuo consenso, la riscrittura del trattato può essere effettuata nella sua integrità o parzialmente.
In caso di accordo, si procede al cambiamento dei termini o delle clausole. In caso di disaccordo, il trattato in corso rimane in vigore fino a nuovi negoziati.


Articolo VI - rottura del trattato -

a) I Firmatari e i loro successori si impegnano a rispettare gli articoli di questo trattato.

b) Il trattato può esser annullato o per mutuo consenso delle parti firmatarie o per inadempimento degli articoli o clausole presenti nel Trattato.In caso di inadempimento,la contraparte danneggiata potrà decidere di non rendere nullo il trattato inviando agli altri contraenti un lettera ufficiale entro 4 ( quattro ) giorni, che indichi la sua volonta a confermare valido il trattato in questione .

c) Nel caso in cui uno dei contraenti, dichiari guerra, attacchi o invada uno stato alleato della controparte, il presente trattato sarà considerato nullo.

d) Il contraente che desidera porre fine al presente trattato deve far pervenire una lettera ufficiale di denunzia presso la sede diplomatica degli altri contraenti. Quest'ultimi dispongono di 4 ( quattro ) giorni lavorativi per prenderne atto. Senza risposta ufficiale che lo accenna, il presente contratto è considerato annullato passati questi termini. Le parti contraenti si impegnano a pubblicare in modo ufficiale una lettera che precisa l'abrogazione del contratto.


Articolo VII - dell'entrata in vigore del trattato -

Il presente trattato entra in vigore, senza limitazione di tempo, al momento della firma di tutti i dignitari, che impegnano al rispetto del medesimo, le loro terre ed i loro popoli.

Firmato nella sede del Castello Sforzesco di Milano il 18 Marzo 1459



Per il Ducato di Milano

Lawrence Maxime Pignatelli, detto "Invisible"
Duca di Milano




, detto "Paolo84"
Gran Ciambellano di Milano





Per la Repubblica di Firenze

Patrizia Perla della Groana, detta "Puliciobirbante"
Signora di Firenze



Casimiro D'Avalos, detto "Domiziano"
Gran Ciambellano della Repubblica di Firenze



Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
pusu92

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2826
Località : Pavia
Data d'iscrizione : 04.10.10

MessaggioTitolo: Re: Firenze   Gio 08 Mag 2014, 03:35

Citazione :
[rp]TRATTATO RIGUARDANTE LO STATUTO DEGLI AMBASCIATORI DI MILANO E FIRENZE


b) Il Corpo Diplomatico della Repubblica di Firenze di è composto dal Signore, Gran Ciambellano, Console, Ambasciatori, Traduttori.


Articolo primo - I contraenti


a)

La Repubblica di Firenze riconosce il Ducato di Milano, le sue istituzioni e le sue cariche, come Stato autonomo e sovrano, facente parte del Sacro Romano Impero(SRING).


b) L'ambasciata del Ducato di Milano nella Repubblica di Firenze è considerata territorio sovrano del Ducato di Milano.
L'ambasciata della Repubblica di Firenze nel Ducato di Milano è considerata territorio sovrano della Repubblica di Firenze.




Articolo secondo - Lo Status di Rappresentante diplomatico e l'immunità diplomatica


a) Il Corpo Diplomatico del Ducato di Milano dispone dell'immunità diplomatica su tutto il territorio definito politicamente appartenente alla Repubblica di Firenze.
Il Corpo Diplomatico della Repubblica di Firenze, dispone dell'immunità diplomatica su tutto il territorio definito politicamente appartenente al Ducato di Milano.


b) Il Ducato di Milano può dichiarare un membro del Corpo Diplomatico della Repubblica di Firenze, "persona non gradita".
Per tale membro ciò comporta l'impossibilità di continuare a svolgere le sue funzioni di rappresentante diplomatico nel Ducato di Milano con conseguente perdita dell'immunità diplomatica.
La dichiarazione di "persona non gradita" potrà avvenire solo a seguito di motivazioni valide da riferire al Signore di Firenze


La Repubblica di Firenze può dichiarare un membro del Corpo Diplomatico del Ducato di Milano, "persona non gradita". 
Per tale membro ciò comporta l'impossibilità di continuare a svolgere le sue funzioni di rappresentante diplomatico nel Ducato di Milano con conseguente perdita dell'immunità diplomatica.
La dichiarazione di "persona non gradita" potrà avvenire solo a seguito di motivazioni valide da riferire al Duca di Milano


In tal caso la "persona non gradita" ha una settimana di tempo per uscire dal territorio ospitante, sarà comunque cura delle Istituzioni dello Stato ospitante assicurarsi che l'uscita dai confini avvenga in massima sicurezza sia della "persona non gradita" che del suo seguito.


c) Per immunità diplomatica si intende una situazione giuridica soggettiva, privilegiata, riconosciuta, e garantita a taluni soggetti in considerazione della loro posizione e funzione istituzionale. Gli effetti delle immunità sono riconducibili alla non processabilità per tutti i reati, esclusi quelli di brigantaggio, assalto ai municipi o al Castello della capitale, per i quali i rappresentanti diplomatici di entrambe i contraenti saranno giudicati secondo le leggi in vigore nella provincia ospite.



Articolo terzo - La libera circolazione


a)



La Repubblica di Firenze autorizza la libera circolazione su tutto il suo territorio da parte del Corpo Diplomatico del Ducato di Milano


b) In caso di chiusura delle Frontiere e la restrizione sulla libera circolazione nel territorio dei contraenti, il Corpo Diplomatico dovrà dare conferma della propria presenza al Prefetto, o in caso di mancato riscontro al Capitano della Provincia ospitante che altresì dovranno assicurare l’incolumità dei Diplomatici stranieri.
Il Corpo diplomatico prima di compiere ogni azione, deve ricevere una missiva di avvenuta lettura della comunicazione.


Articolo quarto - La protezione sul territorio


a)

La Repubblica di Firenze si impegna a proteggere e ad aiutare il Corpo Diplomatico del Ducato di Milano su tutto il suo territorio e in ogni situazione, fornendo loro un'eventuale scorta armata qualora richiesto.


b) La persona del rappresentante diplomatico, riconosciuto come tale, dalla nomina del Gran Ciambellano, è considerata inviolabile. Un attacco contro di essa o una mancata adeguata protezione da parte della provincia ospitante costituisce una grave offesa alla controparte.


c)Nel caso il Ducato di Milano decidesse di chiudere l'ambasciata presso Firenze e di richiamare indietro tutti i suoi componenti presenti nel territorio ospitante la Repubblica di Firenze si occuperà che l'uscita dai confini avvenga in sicurezza.


Nel caso la Repubblica di Firenze decidesse di chiudere l'ambasciata presso Milano e di richiamare indietro tutti i suoi componenti presenti nel territorio ospitante il Ducato di Milano si occuperà che l'uscita dai confini avvenga in sicurezza.




Articolo quinto - L'annullamento del trattato


a)Il presente trattato va a sostituire il precedente, firmato il 4 Maggio 1458, dal momento in cui verranno apposti i sigilli di entrambi i firmatari.


b)Se una degli Stati firmatari, desiderasse annullare il presente trattato, deve necessariamente farne dichiarazione scritta all'altra Provincia. Il trattato sarà allora considerato caduco una settimana dopo la ricezione della suddetta comunicazione.




Firmato a Firenze il 2/5/1462


In rappresentanza del Ducato di Milano:


Markus GianMaria Casanova 
Duca del Ducato di Milano 
Barone Imperiale di GieSSen, 
Conte di Monticelli d'Ongina e Barone di Caorso 
Cavaliere di Benemerenza del Ducato di Milano






Alberto Decimo Bentivoglio 
Gran Ciambellano del Ducato di Milano
Visconte di Sarmato
Cavaliere di Benemerenza del Ducato di Milano






Nilenia, 
Ambasciatrice del Ducato di Milano
Signora di Costa Sant'Abramo






In rappresentanza della Repubblica di Firenze:


Isabella Artemisia Clementi de' Medici
Signora di Firenze
Baronessa di Rio nell'Elba


Gran ciambellano
Lancillotto Maria Valmarana
Parroco di Montevarchi

Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
sara8383
Ambasciatore Milanese
Ambasciatore Milanese
avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1275
Località : Como
Data d'iscrizione : 17.05.12

MessaggioTitolo: Re: Firenze   Ven 18 Lug 2014, 15:26

Citazione :
Trattato di Cooperazione Giudiziaria
tra il
Ducato di Milano
e la
Repubblica di Firenze

Nella loro grande saggezza, Sua Grazia Mariano di Bas Lupazzi, detto "Arboreo", Duca di Milano e Sua Signoria Eccellentissima Beatrice Giulia Borromeo, detta "Baggy206", Signora della Repubblica di Firenze, Contessa di San Giovanni, Viscontessa di Mulazzo e Cavaliere di Beneremenza della Repubblica Fiorentina, hanno chiesto di mettere per iscritto il presente trattato di cooperazione giudiziaria che vincoli i popoli del ducato di Milano e della Repubblica di Firenze, con l'intento di instaurare e preservare una duratura amicizia.

Articolo I - del principio di cooperazione
Ogni individuo che abbia commesso un'offesa o un crimine nei confronti della legge e delle regole vigenti nel territorio di uno dei due contraenti dovrà, su domanda, essere ricercato e sottoposto a giudizio secondo le leggi vigenti nello stato in cui ha commesso il crimine. Inoltre in base alla gravità del reato e su richiesta esplicita, l'imputato potrà essere inserito nelle liste nere, nel rispetto delle leggi vigenti nello Stato richiedente, e nel limite delle proprie possibilità logistiche.
Sarà altresì lo Stato richiedente a comunicare l'uscita dalle BL del soggetto.

Articolo II - dell'applicazione del diritto del richiedente
   Il comune accordo prevede una piena e fattiva cooperazione tra Pubblici Ministeri e Giudici dei due paesi in modo che l'accusato riceva lo stesso giudizio che avrebbe ricevuto nel caso non fosse fuggito alla giustizia del richiedente.

Articolo III - della procedura di giudizio
Il Pubblico Ministero richiedente si farà carico di redigere l'atto d'accusa, sottoponendo all'attenzione del collega le leggi e le prove su cui si basa.
Il Giudice ricevente dovrà emettere la sentenza basandosi sulle leggi dello stato richiedente. A conclusione del processo invierà tutti gli atti al collega, allegando anche un documento con le motivazioni della sentenza, qualora non fossero già adeguatamente e dettagliatamente espresse al momento del giudizio.

Articolo IV - della cooperazione dei Prefetti e dei corsi di giustizia
I membri dell'apparato giuridico dei due contraenti (Prefetti, Capitani e via dicendo) si impegnano a collaborare attivamente affinché le leggi dei due paesi siano rispettate, in particolare:

           
[*] condividendo le informazioni relative a individui o gruppi di individui identificati come potenzialmente pericolosi. Informano così, emettendo un Avviso allerta, di tutti i disordini che potrebbero causare ad un contraente sul suo territorio.

     
[*]Facendo rispettare la giustizia quando un'offesa o crimine sia stata commessa e l'accusato sia sul territorio di uno dei due contraenti. La procedura prevede l'emissione di un avviso di ricerca, che è una richiesta destinata a procedere all'indagine, all'arresto, alla messa sotto accusa ed al giudizio dell'imputato.

Articolo V - della richiesta
Emessa da un funzionario del contraente, è formulata come segue:

Citazione :
Ducato/Contea di _________

         Natura della richiesta: Avviso di ricerca/ Avviso di allerta (messa in guardia)

         Emittente (nome, funzione):

         Data:

         Individui accusati (nomi):

         Descrizione dell'offesa/crimine o del pericolo:

         Localizzazione dell'offesa/crimine ed di o degli individui:

         Dossier completo delle prove relativo al caso:

         Articoli di legge sui quali si basa la richiesta:

        Scheda d'identità di o degli individui:

         Note:

Articolo VI - dei termini di giudizio
La denuncia deve essere valutata entro due settimane dalla comunicazione ed il processo avviato.
Il processo non deve essere superiore a tre settimane tra fasi processuali e pronuncia del verdetto.
Se i termini sono passati, le disposizioni del presente Trattato potranno essere annullate dallo stato che aveva inoltrato la denuncia.

Articolo VII - degli inadempimenti al trattato
     In tempo di pace come in guerra, qualsiasi inadempimento al presente trattato o annullamento di quest'ultimo non conforme all'articolo qui di seguito può aprire il diritto ad una compensazione della parte danneggiata.
Qualora non sia trovato un accordo sull'indennità entro 30 giorni dalla segnalazione dell'infrazione, le parti si sottoporranno al giudizio insindacabile di Sua Maesta' Imperiale.

Articolo VIII - della procedura di denunzia del trattato
Il contraente che desidera porre fine al presente trattato dovrà fare pervenire una lettera ufficiale di denunzia all'altro contraente. Quest'ultimo dispone di quattro giorni lavorativi per prendere atto. Senza risposta ufficiale che lo accenna, il presente contratto è considerato nullo passato questi termini. Le parti contraenti si impegnano a pubblicare in modo ufficiale una lettera che precisa l'abrogazione del contratto.

Articolo IX - della modifica del trattato
Per consenso reciproco, la riscrittura del trattato può essere effettuata nella sua integrità o parzialmente.

Articolo X - dell'entrata in vigore del trattato
Il presente trattato entra in vigore senza limitazione di tempo dopo la ratifica da parte dei contraenti, che impegna le loro terre ed i loro popoli.
Il presente trattato è scritto in due versioni, una italiana ed una nella lingua madre dell'altro contraente. Le due versioni hanno lo stesso valore ed efficacia.

Firenze, dato nella Cancelleria del Palazzo Vecchio, 18 luglio 1462

In nome della Repubblica di Firenze,

Sua Signoria Eccellentessima
Beatrice Giulia Borromeo, detta "Baggy206"
Signora della Repubblica di Firenze
Contessa di San Giovanni
Viscontessa di Mulazzo
Cavaliere di Benemerenza della Repubblica Fiorentina




S.S.
Tancredis di Biancamano Warlords de Medici
Gran Ciambellano della Repubblica Fiorentina
Barone di Donoratico, di Montelupo Fiorentino
Cavaliere di Benemerenza  della Repubblica di Firenze





In nome del Ducato di Milano,

Sua Grazia
Mariano di Bas Lupazzi, detto "Arboreo",
Duca di Milano




S.S.
Sara Ferramosca
Gran Ciambellano del Ducato di Milano
Baronessa di Berceto
Cavaliere di Benemerenza del Ducato di Milano





Nilenia
Ambasciatrice del Ducato di Milano
Signora di Costa Sant'Abramo





Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Firenze   

Tornare in alto Andare in basso
 
Firenze
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Castello sforzesco del Ducato di Milano :: Ingresso del Castello :: Archivio dei Trattati :: Paesi Italici-
Andare verso: